Esche vive

Esche vive Fiorenzo, Mirko En Tiziana Drie Levens Die Elkaar Kruisen Op Een Onwaarschijnlijke, Desolate Plek In De Wereld Muglione, In Het Toscaanse Binnenland, Een Streek Van Werkeloosheid En Stilstaande Wateren Het Is De Plek Waar Fiorenzo Al Jong Zijn Moeder Verloor, Waar Tiziana Naar Terugkeert Vanuit Berlijn En Waar Mirko Voorbestemd Lijkt Voor Een Grote Fietstoekomst

Born in 1974, Fabio Genovesi is the author of three novels and is a regular contributor to Vanity Fair and La Lettura, the literary supplement to the Italian newspaper Corriere della Sera He also writes for film and has contributed articles to Rolling Stone.His second novel, Esche vive Live Bait , was translated into ten languages.

☁ [PDF / Epub] ☀ Esche vive By Fabio Genovesi ✎ – 502udns.info
  • Hardcover
  • 384 pages
  • Esche vive
  • Fabio Genovesi
  • Dutch
  • 11 July 2019

10 thoughts on “Esche vive

  1. says:

    MA CHI LE MANDA A me la lingua scritta che tenta di rappresentare verbalmente la lingua parlata, tentativo portato avanti principalmente sul versante della colloquialit e della cosiddetta sporcatura, ma senza attingere alla ricchezza lessicale della vera lingua parlata nel caso specifico, il toscano , a me non piace, mi appiattisce con la sua piattezza.Due film strepitosi che hanno la provincia italiana al centro qui e in quella sotto Signore e signori di Pietro Germi, 1966.Mi chiedo se sia questo il motivo per cui mi pare che uno dei difetti maggiori dello scrittore Fabio Genovesi sia l ignoranza di senso del ritmo Per la mia conoscenza di questo scrittore, devo dire che mi sembra abbonato al punto di vista multiplo anche in questo suo secondo libro che leggo, lungo romanzo anche questo troppo lungo , cos come in Chi manda le onde, le prime tre persone sono usate per esprimere personaggi diversi l io per Fiorenzo, il protagonista diciottenne, il tu anche qui per la donna, la trentaduenne Tiziana, la terza persona serve per raccontare il campioncino, Mirko, tredicenne a met tra C 3PO e R2 D2, anche noto come C1 P8, e poi anche il padre di Fiorenzo, i vecchietti il punto pi basso del romanzo , e tutti gli altri personaggi, che sono tanti, che anche qui, Genovesi tira fuori appena pu per divagare, allungare il brodo manco ce ne fosse bisogno , per gag e simil barzellette che neppure papibanana.Qui e nell ultima, I vitelloni di Federico Fellini, 1953.Anche questa volta, coprotagonista la provincia, la maledetta provincia italiana toscana che al confronto c pi vita e movimento nell outback australiano.Inutile insistere oltre, mi spiace, ma io e Genovesi non andiamo d accordo, he s not my cup of tea Peccato per me.

  2. says:

    In un paese della provincia toscana, protagonisti simpatici in un libro scritto con stile garbato Una lettura divertente in superficie ma che, volendo, offre anche chiavi di lettura pi profonde Insieme al divertimento, ci si ritrova a meditare sulla solitudine, sui rapporti con gli altri e sul senso della vita.

  3. says:

    5 , , , , , , , , , , , ,

  4. says:

    E mi sa che la vita proprio questa cosa qua, un fiume di roba che ti arriva addosso tutta insieme, un po la prendi e un po la perdi e un po nemmeno ti accorgi che passata, e magari era proprio quella l che faceva al caso tuo Ma non lo puoi sapere e nemmeno starci troppo a pensare, perch stai ancora in mezzo al fiume e la roba arriva e passa e va.

  5. says:

    So di essermi innamorata di un libro quando leggo a colazione, vorrei entrare nelle pagine abbracciare tutti e dire ti voglio bene, lo finisco e mi dispiace iniziarne un altro.Ecco, io mi sono innamorata di questo libro.Questo libro che parla di Fiorenzo, un diciannovenne che pesca, suona, si incazza e si innamora, tutto senza una mano Che riesce a farti affezionare a un paese pieno di fossi puzzolenti, e che ti fa venire voglia di fasciarti la mano destra Parla del suo babbo che c ma che come se non ci fosse, e della sua mamma che non c davvero Parla del Campioncino, che sta sempre zitto ma quando parla o ti fa sbellicare dalle risate o ti fa sciogliere, che gli da del lei e lo chiama Signore, che tutto ad un tratto impara come si fa a vincere dopo che non ha fatto altro per tutta la vita, che trasforma un ragazzo incazzato che lo odia in un fratello Parla di Tiziana, una donna che tornata indietro, che ha perso la strada e la cerca in un magazzino buio, in un lavoro che sogna ma che non nasce, in un blog che vorrebbe fare il giro del mondo ma non ce la fa, in un ragazzo che riesce a smuoverle quello che da un bel po era rimasto fermo Lo stile meraviglioso, ti attacca alle pagine, strappandoti sorrisi ed emozioni Quando ho finito di leggere avevo il magone, e mi sono ritrovata a sorridere come una scema davanti a un fosso di Muglione.

  6. says:

    , , Esche vive , Live Bait , , , , , .

  7. says:

    Una storia di crescita, di solitudini che si incontrano, nella profonda provincia italiana Tra la passione della pesca, concerti mica tanto rock, ronde di vecchi paesani e ciclismo, la vicenda ruota attorno a una composita triade, densa di giochi di specchi Fiorenzo, liceale a due passi dalla maturit , una mano sola l altra, persa in un incidente con petardi , da poco orfano di madre, pochi amici, una band, un padre disinteressato Tiziana, trentenne abbondante senza futuro, tornata nella provincia italiana dopo un formativo tour europeo solo per a di un paesino che la ripaga trasformando il suo centro Informagiovani in un surrogato di bar per anziani il quindicenne Mirko, solitario, silenzioso, campione per caso di ciclismo, trapiantato in una terra non sua senza che la sua vecchia scuola o la sua stessa famiglia ne sentano la mancanza I tre si incontrano e si scontrano, tre fili che s intrecciano per poi separarsi nuovamente, ma arricchiti e cresciuti La narrazione si scompone nei tre diversi punti di vista, che l autore tratteggia con stile e focalizzazione diversa un autoironica prima persona per Fiorenzo una feroce seconda persona per Tiziana la terza persona, infine, per il racconto mite e distaccato di Mirko Visibile il curato lavoro stilistico, con una stratificazione di registri linguistici adatti ai personaggi Un arricchimento proviene dalle incursioni metanarrative, davvero piacevoli i finti articoli di cronaca e soprattutto i temi di scuola di Mirko, che orgogliosamente fuori tema prende spunto dalla traccia per confessarsi e parlare di s.Di questo romanzo ho elaborato un giudizio intermedio, perch si pu dire tutto e il contrario di tutto pare proprio un romanzo ben pensato e ben scritto, una storia credibile, coerente, solida, con uno sfondo vividamente tratteggiato Eppure, i punti di forza sembrano contemporaneamente punti deboli, mentre ci si accorge, piano piano, che quella stessa storia pare troppo costruita, alcuni sviluppi si rivelano banali e scontati, lo scenario da cartolina e i personaggi, nel loro confessarsi umanamente contraddittori, trasudano i difetti di una scrittura non proprio ottima.C qualcosa nei personaggi che proprio non mi convince Fiorenzo e Mirko, in particolare, sono un diciannovenne e un quindicenne di provincia, certo, ma nel terzo millennio e la vicenda ha una precisa collocazione temporale dovrebbero comunque sapere come gira il mondo I due, invece, sembrano usciti da chiss dove, i loro ragionamenti non sembrano per nulla adeguati alla loro et laddove si potrebbe giustificare la cosa pensando a dei personaggi volutamente immaturi e infantili, pare pi convincente l ipotesi che si tratti di una carenza propria dell autore Passi che Fiorenzo sia un eterno verginello, il cui massimo contatto con l altro sesso sia stato un solo bacio, ma questo non pu in alcun modo giustificare un immaturit che fa a pugni con la sua et Per non parlare di Mirko, che tutti chiamano affettuosamente bimbo e ben presto ti convinci che sia effettivamente un bambino, salvo poi ricordarti improvvisamente che di anni ne ha quindici Di consenguenza, l inadeguatezza di gesti e parole dei personaggi nei confronti della loro et finisce col rendere le vicende sempre pi surreali e improbabili, guastandone la lettura Quanto al personaggio femminile l unico in tutto il romanzo, peraltro, volendo tralasciare la coninquilina di Tiziana, una macchietta e niente pi , Tiziana costantemente e ridondantemente dipinta come una donna che non sa quello che vuole Ok, verosimile ma la caratterizzazione di un personaggio in un intero romanzo non pu basarsi solo su questo.Surreale, a un certo punto pure fastidiosa finisce con l apparire la relazione tra Tiziana e Fiorenzo, soprattutto quando la donna finisce col sovrapporsi all immagine della madre mancante di Fiorenzo Pi stimolante invece il rapporto tra i due ragazzi, che va oltre quello scontato di un rapporto fraterno e propone un gioco di specchi e di immedesimazione reciproca tra i due.Sullo scenario nemmeno mi pronuncio, per la mia invalidante allergia alla profonda provincia italiana Ma basterebbe citare la consistenza da cartolina e la presenza di personaggi abbozzati e caricaturali.A salvare una lettura altrimenti poco coinvolgente, banale e scontata, una vastissima lista di eventi, personaggi e spunti di riflessioni spassosissimi e davvero originali, di cui intendo offrire un accenno Il concerto rock delle scuole di provincia Fiorenzo e la band metal sono entusiasti dell opportunit , ma non fanno in tempo a salire sul palco che vengono buttati fuori dalle urla di un pubblico ostile cresciuto a pane e Sanremo Il lavoro segreto di Stefanino l immancabile spalla, altamente caricaturale, del protagonista la sua abilit a photoshoppare vignette satiriche sul Papa viene notata dai vertici del Vaticano e apprezzata perch rende altamente fotogenico quello stesso Papa per niente fotogenico un chiaro riferimento a Ratzinger e ai paparazzi che facevano a gara a ritrarlo negli scatti pi brutti e divertenti E qui mi fermo, anche se potrei continuare all infinito, talmente pieno il romanzo di passaggi spassosissimi ed esilaranti.

  8. says:

    Veloci caricatureIl ritmo rapido salva la narrazione che scorre come una grossa lente d ingrandimento su un piccolo paese della piana pisana Le figure e gli eventi ne risultano estremizzati e, forse volutamente, caricaturali Il ritmo, scandito dalle prime righe, cambia spesso e talvolta accelera, rendendo la lettura gradevole Un romanzo a suo modo fastidioso e appassionante per chi conosce la piana di Pisa, capace di rendere percettibili e quindi non pi trascurabili, elementi di questo territorio che si vorrebbe volentieri dimenticare isolamento, marginalit l esser come un fosso che non va da nessuna parte I personaggi principali, pur ampiamente tratteggiati, sono portati al parossismo, diventando prevedibili Eppure le loro espressioni caricaturali fanno comunque ridere In sintesi, una lettura interessante e scorrevole, perlomeno per chi di zona.

  9. says:

    Beetje traag boek, maar toch wel mooi Met prachtige slotregels Waarmee hij je leert dat je best alle theorie n en technieken van de wereld kunt kennen, maar dat er in het leven af en toe iets gigantisch aankomt dat je overvalt, waardoor alles wat je weet geen enkele betekenis meer heeft, en je alleen maar met kont op de grond kunt zitten kijken naar het water dat doldraait en de kikkers die wegspringen en alle drukte en spetters en golven Dan komt het water langzaam tot bedaren, hervatten de kikkers hun lied en dobberen we allemaal weer verder.

  10. says:

    Descrivere la provincia toscana e la vita degli abitanti di questo paesino cos annoiati, rassegnati e limitati in 380 pagine mi sembra troppo Il linguaggio popolare senza un congiuntivo azzeccato mi ha infastidita Pi di 2 stelle non riesco proprio a dargliele

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *